Stereotipi sulla sessualità: Una ricerca ci libera da molte mistificazioni

Una delle ultime ricerche apparsa sull’autorevole rivista scientifica americana «Current Directions in Psychological Science» mette in evidenza come molte credenze sul sesso, siano solo delle vere e proprie congetture.

Ad esempio, uno degli stereotipi più comuni è quello di pensare che ogni uomo, quando si tratta di sesso, sia un insaziabile predatore e che il pensiero del sesso lo ossessioni tanto da fare un pensiero sessuale ogni 7 secondi.

Stereotipi sulla sessualità: Una ricerca ci libera da molte mistificazioni

Secondo voi lui quante volte pensava al sesso?!?

La realtà racconta una storia differente: infatti gli studi mostrano che gli uomini fanno 18 pensieri sessuali al giorno, tanto quanto quelli che fa sul cibo.

I luoghi comuni e gli stereotipi più feroci colpiscono specialmente l’universo femminile, a torto ritenuta poco incline al sesso perché fisiologicamente incapace di raggiungere l’orgasmo (e noi sappiamo bene che di orgasmi ne può raggiungere svariati e di più tipi).

Stereotipi sulla sessualità: Una ricerca ci libera da molte mistificazioni

Vedere la donna come una bambola è di certo uno degli stereotipi più difficili da superare?!?

Banalmente (ma non troppo), la ricerca evidenzia come nella sessualità non esistano regole prestabilite e sottolinea come se una donna è serena e vive in un contesto sereno raggiunga l’orgasmo sessuale in 4 casi su 5.

Si può di certo affermare che molti degli stereotipi sulla sessualità femminile siano provocati dalle inibizioni delle donne di parlare liberamente di sesso. Con molta probabilità i comportamenti che analizziamo oggi sono il risultato di un retaggio del passato risultato di imposizioni sociali più che di vere e proprie differenze di genere. Nel corso del tempo, la cultura prettamente fallocentrica maschile ha mascherato le proprie misconoscenze e incapacità sessuali incolpando le donne di questo e facendo ricadere sulla loro sessualità, il problema.

Anche oggigiorno, l’uomo che non riesce a far godere la propria donna spesso la incolpa; alimentando in questa maniera un circolo vizioso e negativo per la salute psico-sessuale della donna. Per fortuna, l’emancipazione sessuale e non solo delle donne le ha poste su un piano differente e che va sempre più verso un confronto paritario tra uomo e donna.

Oggi la donna ha sempre meno paura di dichiarare le sue voglie sessuali e pretendere di essere soddisfatta sessualmente.

Per fortuna, non tutti gli uomini sono uguali ci sono anche quelli che vogliono rendere contente le loro donne. Per sapere come fare, clicca qui.

Questa voce è stata pubblicata in Il corpo femminile e le fasi del piacere femminile, Orgasmi e Orgasmi, Sessualità: Le false credenze e l’atteggiamento mentale e contrassegnata con Current Directions in Psychological Science, piacere sessuale femminile, sessualità femminile, stereotipi sessuali. Contrassegna il permalink.