Sessualità: Seno e calo del desiderio, due interessanti ricerche

In questi giorni alcune ricerche sulla sessualità hanno attirato la mia attenzione…

La prima: Vi siete mai chiesti perché l’uomo (intendo il maschio) sia tanto attratto dal seno femminile?!? E dalle altre rotondità femminili come il sedere?

Molti risponderanno che sono legati sessualmente a queste forme, in realtà la motivazione è da ricercare nell’evoluzione umana.

Lo studio che avrebbe dimostrato questo (e che a breve andremo a spiegare) è stato condotto dal professore di Psichiatria Larry Young della Emor University. Lo studioso avrebbe dimostrato come alla base di alcuni comportamenti che compiano quotidianamente nella società ci siano determinate basi neurologiche che sarebbero stati creati da circuiti neuronali costruiti sul legame affettivo che lega dalla nascita madre e prole durante l’allattamento.

Sessualità: Seno e calo del desiderio, due interessanti ricerche

Il rapporto con il seno femminile per l'uomo nascerebbe già dall'allattamento...

Quindi l’Amore per il seno nascerebbe durante l’allattamento, sarebbe trasmesso ai figli di entrambi i sessi e rafforzerebbe il legame di coppia. Da qui, nel tempo si potrebbe trasferire nell’età adulta. Quindi, gli uomini, come i bambini, amano il seno.

Forse alcuni di voi lo sapranno, durante l’allattamento la stimolazione della suzione provoca l’attivazione a livello cerebrale femminile dell’ormone dell’ossitocina. Questo ormone (definito farmaco dell’Amore) aiuta la madre a focalizzare la sua attenzione sul bambino, costruendo un legame affettivo forte e sopratutto eterno. Se trasponete questo comportamento alla vita sessuale adulta capirete come la stimolazione dei capezzoli del seno femminile da parte dell’uomo, aumenterebbe l’eccitazione sessuale, attivando anche le aree vaginale e clitoridea. Sfiorando queste zone durante un rapporto, s’instaura un forte legame empatico ed affettivo tra uomo e donna in quanto viene liberata ossitocina. Quindi l’attenzione della donna s’indirizza sull’uomo.

Qui sarebbe l’evoluzione umana a dare il suo contributo creando legami stabili e duraturi (come quelli tra madre e figlio).

Una riflessione: Quindi i bambini che non sono allattati avranno problemi a sviluppare relazioni d’amore durature e stabili in età adulta? E la stessa varrà per le donne?

La seconda: Un’altra ricerca che ha attirato la mia attenzione riguarda il desiderio sessuale e il suo calo (leggi anche Calo del desiderio: Caratteristiche e differenze tra sessi).

Questo studio sulla sessualità avrebbe dimostrato che il calo della libido non è dovuto a nessun fattore psicologico ma ad un gene presente nel nostro cervello per l’esattezza il gene Er alpha, che controlla la nostra aggressività e sessualità.

Sessualità: Seno e calo del desiderio, due interessanti ricerche

Il gene Er alpha sarebbe alla base del calo del desiderio sessuale...

Lo studio è stato fatto dalla Dott.ssa Ana Ribeiro della Rockefeller University di New York (pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti). La ricerca non è stata fatta ovviamente sugli uomini ma sui topi, dimostrando come manipolando un singolo gene in un gruppo di cellule cerebrali specifiche si possano controllare comportamenti biologici importanti dell’uomo.

E la vostra libido? E’ in calo…?!?

Questa voce è stata pubblicata in Carezze e tocchi per fare impazzire la tua donna, Sessualità: Le false credenze e l’atteggiamento mentale e contrassegnata con calo del desiderio, gene Er alpha, seno femminile, sesso, sessualità di coppia, sessualità e vita, sessualità femminile, sessualità maschile. Contrassegna il permalink.