Sessualità maschile: Come i cambiamenti influenzano i rapporti

Cambiano i ruoli, le abitudini i modi di fare, questo succede anche nel sesso e nei ruoli sessuali. Molti rapporti di coppia sono cambiati (stati sconvolti), tanto che ora molte donne hanno un ruolo dominante nelle dinamiche sessuali di coppia. Molti studi tendono ad affermare l’idea  che oggigiorno le donne guidino le relazioni e gli uomini arranchino a tener loro testa. Le statistiche affermano che questo è il pensiero del 35% degli uomini, ma cosa più importante il 40% di loro si sente inadeguato rispetto al pluri-ruolo di marito perfetto, amante e buon padre di famiglia.

Sessualità maschile: Come i cambiamenti influenzano i rapportiTutto questo può provocare tensioni che si riflettono nella vita intima di coppia (spesso in quella sessuale): infatti ben il 70% degli italiani indica nella mancanza di soddisfazione sessuale (rapporti poco soddisfacenti) la causa principale di problemi di coppia. Un fenomeno che sarebbe alla base di questi presunti problemi è l’ansia da “superprestazione” (colpirebbe il 40% degli italiani). I problemi di ordine psicologico colpiscono soprattutto i più giovani e se non curati in tempo possono dare origine ad un problema permanente. Intervenire per evitare di far divenire cronici, problemi che se presi in tempo sono di facile risoluzione. Spesso l’uomo che soffre di problemi sessuali (dovuti magari a questioni psicologiche) interviene subito con i farmaci per eliminare il problema: non viè nulla di più sbagliato: se il problema nasce dalla mente e non vi è nessun risvolto medico e fisiologico da curare, bisogna lavorare sulla “testa”, educandola e ripulendola da false e fuorvianti credenze. Pochi uomini hanno il coraggio di affrontare il problema con uno specialista, spesso l’imbarazzo non aiuta in questo, secondo un’indagine internazionale, i giovani sotto i 40 anni sono i più restii a confrontarsi: il 25% prova imbarazzo . La ricerca è stata condotta su 4409 persone dai 18 ai 75 anni intervistate in 4 paesi (Italia, Germania, Canada e Brasile) ed ha confrontato le abitudini per area geografica e fascia d’età.


Tra i problemi sessuali maggiromente preoccupanti per l’uomo vi sono: in testa la disfunzione erettile che rappresenta, con l’eiaculazione precoce (clicca qui e scopri come vincere l’Eiaculazione Precoce), il primo per diffusione: in tutto il mondo sono oltre 152 milioni le persone che ne soffrono, in Italia circa 3. Tra i 40 e i 70 anni, la fascia di età più a rischio, riguarda circa il 13% degli uomini ma ben il 50% ha avuto un episodio nel corso della vita. Questi problemi sorgono di fronte ad una dinamica sessuale di coppia profondamente cambiata che ha modificato l’equilibrio delle relazioni. Basti aggiungere un ulteriore dato: al 75% degli uomini piacerebbe avere rapporti più frequentemente di una volta o due a settimana, ma solo il 12% ottiene questo risultato. Mentre per quelli di “mezza età” (40-59 anni), lo stress è il motivo prevalente (24%) di una vita sessuale insoddisfacente: sono però più preoccupati del loro benessere rispetto ai più anziani (over 60) e sono più propensi a parlare dei propri problemi sessuali con la partner (64%) o lo specialista (43%) rispetto ai più giovani. La disfunzione erettile è invece considerata “fisiologica” dal 31% degli ultra sessantenni anche se tendono a nasconderla agli amici più stretti (58%) e cercano invece correttamente informazioni sulle terapie indicate dal proprio medico o dal farmacista (72-73%).

L’uomo dei nostri giorni ha davvero tante problematiche da affrontare. Stress e problemi di ogni genere di certo non aiutano. Per migliorare l’intesa sessuale di coppia nasce l’ebook Comefargodereledonne, l’unico manuale che svelerà i segreti dell’orgasmo femminile.

Alcune informazioni di questo articolo sono tratte da: Italiasalute.it

Questa voce è stata pubblicata in Sessualità: Le false credenze e l’atteggiamento mentale e contrassegnata con disfunzione erettile, eiaculazione precoce. Contrassegna il permalink.