Sesso e lavori domestici: stirare, lavare e spolverare influenzano il sesso?

Quasi quasi se ne erano convinti. Poco alla volta cominciavano anche loro a darsi a fare in casa ma…forse è meglio che in casa non facciano nulla.

Vi chiederete di cosa stiamo parlando?! Semplicemente della divisione delle faccende di casa all’interno della coppia. Come ben sappiamo, negli ultimi anni l’emancipazione femminile ha portato ad più giusta suddivisione dei ruoli e dei compiti all’interno del focolare domestico. Oggi non è raro che gli uomini si occupino delle faccende domestiche da sempre considerate maggiormente femminili come: cucinare, stirare, spolverare.

Sesso e lavori domestici: stirare, lavare e spolverare influenzano il sesso?

La divisione delle mansioni nella coppia influenza il sesso?!?

Ma proprio ora che qualche uomo comincia a fare anche il casalingo ecco la notizia che potrebbe stroncarne in pieno ogni velleità domestica maschile. Uno studio dimostrerebbe che la qualità e la quantità dei rapporti sessuali di coppia sarebbe legata in maniera positiva ad una divisione più “tradizionale” dei ruoli. In poche parole, per il comune benessere sessuale della coppia, la donna dovrebbe continuare a stirare, spolverare e lavar piatti, mentre l’uomo dovrebbe dedicarsi a compiti un po’ più mascolini come riparazioni varie.

Lo studio, condotto da un gruppo di sociologi dell’Università di Washington su circa 4500 coppie sposate, metterebbe in evidenza come le coppie con una tradizionale divisione delle mansioni domestiche hanno in media 1,6 rapporti al mese in più rispetto a coppie con divisione più paritaria ed emancipata dei compiti domestici. Parlando di cifre: le coppie che su 34 ore settimanali di faccende domestiche di tipo femminile, alle quali il marito partecipa per un quinto, e altre 17 ore di lavori da maschio cui la moglie partecipa per metà, hanno fatto sesso circa 5 volte nel mese precedente. Mentre per la coppia con divisione tradizionale dei ruoli il numero di rapporti sale a circa 7 al mese (in realtà a noi sembrano un po’ pochini in entrambi i casi).

Questi risultati sfatano studi passati secondo i quali una divisione troppo spostata verso la schiavitù femminile (scusatemi il sarcasmo) potesse minare il rapporto, andando a compromettere anche la vita sessuale di coppia. Vi chiederete quale sia la motivazione alla base di questo cambiamento di prospettiva: secondo la ricerca una divisione più tradizionale dei ruoli rafforzerebbe l’identità di genere dei partner aumentando il ruolo sessuale di entrambi.

E voi donne che ne pensate? Una scusa in più per gli uomini pigri?

Questa voce è stata pubblicata in Sessualità: Le false credenze e l’atteggiamento mentale e contrassegnata con anorgasmia, orgasmo femminile, problemi sessuali, ruoli ed emancipazione sessuale, sesso, sessualità di coppia, sessualità maschile. Contrassegna il permalink.