Orgasmo femminile: lo “sconosciuto” che fa disperare donne….e uomini

Una recente ricerca inglese pubblicata dal quotidiano The Sun ha riproposto il tema dell’orgasmo femminile e della sua difficoltà ad essere raggiunto da parte di molte donne. Sull’articolo si leggerebbe come 1 donna su 5 non abbia mai provato un orgasmo, quindi un problema reale e attualissimo che merita di essere analizzato e compreso meglio.

Lo studio metterebbe in evidenza come il principale ostacolo al raggiungimento dell’orgasmo sarebbe lo stile di vita poco sano, con un sovra utilizzo di droghe, stupefacenti, antidolorifici, il tutto mescolato con una fantasia diventata pigra a causa dell’uso sempre più costante di dispositivi tecnologici.

Orgasmo femminile: lo sconosciuto che fa disperare donne....e uomini

Perché una donna su cinque non avrebbe mai raggiunto l'orgasmo???

Come sappiamo (o forse è meglio dire “dovremmo sapere”), alla base dell’orgasmo vi è una combinazione tra la propria personale esperienza soggettiva del piacere e le modificazioni fisiologiche che intervengono sul fisico della donna. Entrambi i fattori sono importanti, ma devono coesistere per raggiungere l’orgasmo, infatti essere fisicamente sani non comporta l’assoluta certezza di raggiungere l’orgasmo se altri fattori personali non sono ok (fattori psicologici, relazionali e caratteriali). In poche parole sarebbe rispettato il proverbio “Mens sana in corpore sano”.

Quindi l’anorgasmia (con questo termine si definisce l’incapacità della donna di raggiungere l’orgasmo, clicca qui per saperne di più) è una questione che lega insieme fattori fisici, psicologici e culturali. Ad esempio, tra i fattori che provocare un’inibizione della risposta orgasmica ci sono:

  • tra i fattori correlati a un’inibizione della risposta orgasmica vi sono
  • una relazione frustrante con un partner poco capace sessualmente
  • un’educazione familiare rigida e restrittiva per quanto riguarda il sesso  e un ambiente sociale non adatto a determinate esperienze sessuali
  • attitudini personali come: autocontrollo, auto rimprovero, repressione emozionale, ansia e paure varie, dipendenza psicologica

Come si aiuta l’orgasmo femminile?

  • Per superare questo problema un primo passo potrebbe essere quello di imparare a chiedere ciò che si vuole. Molte donne fondano la loro sessualità su un’errata convinzione: credere che sia l’uomo a doversi a preoccupare dell’orgasmo femminile. Se quest’affermazione può essere in parte vera, d’altro canto la donna deve imparare a chiedere cosa pretende per la soddisfazione della propria sessualità (un problema affrontato anche in un nostro precedente post).
  • Allo stesso modo credere che qualcosa non faccia al proprio caso, senza averla mai provata è un pregiudizio sbagliato. Guardarsi, stimolarsi con la mente e con il corpo sono tutte cose da provare anche da sole, buttando via eventuali pregiudizi sulla masturbazione o sulle letture erotiche.
  • Altro fattore sempre importante è la qualità della relazione, farsi domande su come viene vissuto il rapporto con il proprio partner, specie se la relazione sessuale non va bene è di vitale importanza per trovare una soluzione o chiudere la relazione se non vi sono orizzonti positivi. Una caratteristica importante della relazione è la capacità di dialogare con il proprio compagno su temi come la sessualità e magari chiedere quello che vi serve per raggiungere una eccitazione tale che sia da apripista all’esplosione orgasmica. Ovviamente per fare tutto questo bisogna lasciarsi andare e sgomberare il campo da ogni possibile imbarazzo e vergogna.
  • Per favorire l’orgasmo femminile anche il ruolo maschile è molto importante, specie per quanto riguarda schemi e comportamenti ormai obsoleti. Per una donna creare un clima di complicità, favorendo un’atmosfera calda ed intima vuol dire avvicinare l’orgasmo. Allo stesso tempo, l’uomo non deve fissarsi su determinati schemi ma cercare di stupire continuamente la propria donna con un pizzico di fantasia e imprevisto.
  • Infine darsi tempo, sperimentare, dare spazio alle fantasie ed ai bisogni di lei, farla sentire sicura di potersi esprimere liberamente.

Forse è più facile a dirsi che a farsi, ma se non si prova a sovvertire una situazione statica di certo questa non cambierà da sola. La prima reticenza maschile è quella di divenire consapevoli di un cambiamento e di voler provare a cambiare il proprio rapporto con la sessualità femminile. Molti uomini sono egoisti e capiscono ben poco di sessualità femminile, in questo caso il futuro orgasmico delle loro compagne non è proprio in buone mani. Per l’uomo che vuole cambiare e comprendere i segreti della sessualità femminile nasce “Come Far Godere Le Donne”, clicca qui e scopri tutti i segreti dell’orgasmo femminile.

Questa voce è stata pubblicata in Orgasmi e Orgasmi, Sessualità: Le false credenze e l’atteggiamento mentale, Sessualità: Problemi, fobie e disturbi psicologici e contrassegnata con anorgasmia, Comodo.it, orgasmo femminile, problemi sessuali, sesso, sessualità di coppia, sessualità maschile. Contrassegna il permalink.