Come migliorare le fasi del piacere sessuale

Attraverso una migliore conoscenza delle fasi del piacere possiamo migliorare l’intensità del rapporto sessuale. Le fasi del piacere sessuale sono 4:

  1. Eccitazione
  2. Plateau
  3. Orgasmo
  4. Risoluzione

Ci sono alcuni consigli (per uomo e donna) per allungare il piacere sessuale e migliorare la portata fisica ed emozionale della sessualità della coppia. E per ripartire subito?

Analizziamo le quattro fasi sessuali e vediamo come migliorarle.

Fase dell’Eccitazione

  • Donna: Secondo alcuni studi sia l’uomo che la donna raggiungerebbero il culmine del piacere sessuale fisico in 11 minuti. La differenza nasce sulla mente: infatti, le donne sembrano più inclini a distrarsi rispetto agli uomini. Inoltre, la donna vorrebbe sempre avere il pieno controllo del proprio corpo quando si fa sesso.

Come migliorare le fasi del piacere sessuale

La prima fase l'eccitazione....

  • Uomo: In questa fase l’uomo deve pensare maggiormente alla donna. Usare le mani e le labbra per eccitare la schiena, il collo, la parte interna delle gambe. L’attenzione non deve essere puntata sulle zone genitali perché l’eccitazione femminile e molto differente da quella maschile.

Fase del Plateau

  • Donna: La fase del plateau è il momento in cui l’eccitazione arriva al massimo e si mettono le basi per l’orgasmo. L’ascesa verso l’orgasmo deve essere graduale senza accelerazioni improvvise, bisogna controllare il sovradosaggio di stimolazioni sessuali. Si potrebbe dire: “Chi va piano va sano e va lontano”.

Come migliorare le fasi del piacere sessuale

La fase Plateau è il momento del massimo eccitazione

  • Uomo: In questa fase, il diaframma dell’uomo comincia ad esser teso, innalzando l’eccitazione e spingendolo all’orgasmo. Per aumentare i tempi del rapporto, bisogna cercare di diminuire la tensione del diaframma, lavorando molto sulla respirazione e rallentando il respiro. Il diaframma si rallenterà e si prolungherà la fase del Plateau.

Fase dell’Orgasmo

  • Donna: L’orgasmo femminile è davvero una cosa particolare, spesso più una donna è vicina a raggiungerlo tanto più è facile che perda la possibilità. Massima attenzione in questa fase: un minimo cambiamento potrebbe riportarvi al punto di partenza.

Come migliorare le fasi del piacere sessuale

Il culmine dell'orgasmo

  • Uomo: Per allontanare il punto di non ritorno (una volta oltrepassato questo punto, l’orgasmo per l’uomo diventa un’azione riflessa e quindi impossibile da controllare), l’uomo deve concentrarsi su tutto quello che succede sulle altre parti del suo corpo.

Fase della Risoluzione

  • Donna: Una volta raggiunta questa fase, le donne possono subito ripartire dalla fase 2 senza passare nuovamente dall’Eccitazione. L’uomo può aiutarla, stimolando le zone adiacenti i genitali femminili, sarà in seguito la donna a ricercare una stimolazione diretta.

Come migliorare le fasi del piacere sessuale

Dopo l'orgasmo, uomo e donna hanno diversi tempi di ripresa sessuale...

  • Uomo: L’orgasmo raggiunto provoca il rilascio di prolattina che non permette di raggiungere immediatamente l’orgasmo successivo. Nel momento in cui il livello di quest’ormone diminuisce nel sangue, termina anche il periodo refrattario dell’uomo e si è pronti ad una nuova erezione. Il recupero può essere influenzato anche da altri fattori come lo stress che provoca un ulteriore rilascio di prolattina nel sangue. Quindi un buon consiglio può essere quello rilassarsi un attimo dopo il rapporto sessuale e magari dedicarsi nuovamente ai preliminari verso la donna. Usa un po’ di fantasia, mani e lingua.

Se vuoi saperne di più e scoprire tutti i modi per far godere appieno la tua donna clicca su Comefargodereledonne.it, l’unico manuale sulla sessualità femminile che ti fa comprendere dove nasce il piacere sessuale femminile.

Questa voce è stata pubblicata in Il corpo femminile e le fasi del piacere femminile, Sessualità: Le false credenze e l’atteggiamento mentale e contrassegnata con fasi del piacere sessuale, orgasmo femminile, sesso, sessualità di coppia, sessualità femminile. Contrassegna il permalink.